Comune di CuglieriComune di Cuglieri

Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti

Vai al menu del sito



Sezioni del sito:

Vai su


Contenuti

Architettura religiosa

Santa Maria della Neve

 

SANTA MARIA DELLA NEVE - BASILICA
Si fa risalire al XIV secolo. La tradizione dice che nel 1300 una grande cassa di legno, contenente il simulacro della madonna, approdò misteriosamente sulla spiaggia di S.Caterina di Pittinuri. Si provvide a trasportare la statua, su un carro a buoi, a Cuglieri, dove la si voleva collocare nella Chiesa di S.Croce allora chiesa parrocchiale, ma i buoi, sovvertendo agli ordini del carrettiere, con irresistibile slancio, si inerpicarono sulla scoscesa e selvaggia costa del colle Bardosu. In prossimità della cima fu impossibile smuoverli, come è indicato in uno dei bassorilievi incastonati sulla facciata della Basilica. Sorse così il santuario della Vergine SS. della Neve. Nel 1807 Papa Pio VII la elevò a Collegiata. Nel 1919 Benedetto XV concesse alla Chiesa il titolo di Basilica minore.

MADONNA DELLE GRAZIE (CONVENTO)
L’origine risale alla fine del 400 o agli inizi del 500. Verso il 1545, grazie alla donazione dello stabile da parte della famiglia Zatrillas, fu annesso il Convento dei Servi di Maria, primo ordine religioso a Cuglieri. Lucia Zatrillas, inserita nell’elenco dei Beati dell’ordine, diede tutto il suo aiuto a un certo Frate Alessandro per la costruzione del Convento e della Chiesa. Durante l’ultimo restauro della chiesa, una strana sepoltura è venuta alla luce nella cappella dove si fa “s’ingravamentu”, la tomba di Lucia Zatrilla.

CAPPUCCINI
Costruita con il Convento nel 600 dal Vescovo bosano Traviano Manca de Cedrelles. Inizialmente erano presenti i francescani. Dal 1613 fu utilizzato dai Frati Cappuccini. Si ricorda il Frate Paolo Perria, nato a Cuglieri il 29/1/1650 e morto in concetto di santità il 13/2/1727. Un quadro ancora oggi conservato nella Chiesa di Cappuccini, ricorda il prodigio del frate di portare la bisaccia colmatagli d’olio da alcuni frantoiani burloni, fino al convento, senza lasciarne spandere una goccia.

SANTA CROCE
E’ stato costruita nella parte più antica di Cuglieri ovvero nel primo insediamento abitativo. E’ infatti la chiesa più antica di Cuglieri. Inizialmente era intitolata a Santa Silvana. L’Arciconfraternita risale al XVI secolo.

CARMELO
Di questa chiesa si trova traccia in alcuni documenti del 1600 sotto il nome di Chiesa di S. Urbano. Dal 13 novembre 1702 ha preso il nome di beata Vergine del Carmelo.

SAN GIOVANNI
Risale ai primi del 500 cioè prima della costruzione della chiesa di Cappuccini. La confraternita nasce ad opera di laici sempre sotto la tutela del clero locale. Nella notte del 24 giugno, vigilia della festa di San Giovanni Battista, avviene il rito ancestrale de “s’abba muda ”: dopo una breve sosta nella chiesa, ai piedi della statua del Santo bambino coperto di pelle d’agnello, si lascia a piedi l’abitato e camminando ai lati della strada ( riservando, così, la parte centrale per i defunti), in assoluto silenzio e senza mai voltarsi indietro, ci si dirige alla fonte di Tiu Memmere per bere l’acqua che sana i mali del corpo e dell’anima; alla stessa maniera, in silenzio e senza mai girarsi, si fa ritorno alla chiesa. Culto nuragico dell’acqua salutare e devozione al Santo cristiano che con l’acqua scacciava la colpa antica del peccato originale, si sono così amalgamati e fusi e si ripetono, anno dopo anno, con ferma convinzione.

Risorse correlate

Chiesa di Convento - Madonna delle Grazie
 
 
Home | Mappa del sito | Contatti | Credits | ConsulMedia 2010 | @ Comune di Cuglieri - Tutti i diritti riservati

Vai su